Confimprese Nordovest è una Confederazione Datoriale e Sindacale con sede a Torino. Emanazione di Confimprese Italia, essa vanta una consolidata capillarità sul territorio italiano, fornendo attività consulenziale a 360° per il tessuto imprenditoriale nazionale, attraverso la definizione di soluzioni rapide ed efficaci. La Confederazione si avvale di un pool di professionisti esperti e consolidati in grado di affiancare e supportare in ogni operazione le diverse realtà imprenditoriali.

L’internazionalizzazione
Attualmente il punto di forza di Confimprese Nordovest risiede nella definizione delle strategie d’internazionalizzazione per le imprese italiane. La confederazione si distingue per uno spiccato attivismo nella promozione del grande panorama culturale, imprenditoriale e territoriale italiano all’interno di un mercato, quello cinese, in forte crescita.
L’attività svolta dal Dott. Carmine Gelli, Presidente di Confimprese Nordovest, ha portato alla realizzazione di diversi progetti culturali, commerciali, istituzionali ed accademici tra l’Italia e la Cina, volti a fornire delle grandi opportunità alle realtà italiane, attraverso la promozione delle eccellenze del “Made in Italy”. Ne è un esempio di spicco il progetto “Parco Eccellenze Italiane“, derivante dall’accordo tra Confimprese Nordovest e l’Agenzia di Sviluppo della Municipalità di Hangzhou.

L’approccio
Nella definizione dei suddetti progetti la Confederazione è orientata alla ricerca di nuove opportunità economiche e lavorative sul territorio cinese, attraverso un approccio consulenziale e l’adozione di politiche di tutela che permettono alla nostra imprenditoria di godere di vantaggi notevoli, con ottime opportunità fiscali e considerevoli sviluppi sotto il profilo economico e commerciale.
L’attività consulenziale di Confimprese prevede la fornitura di una serie di servizi in grado di tutelare e veicolare la realtà italiana oltre i confini nazionali.

Attualmente Confimprese Nordovest può essere considerata una delle poche strutture  italiane munite di un’esperienza storica nel panorama cinese.

Le Origini

Nel 1996 nasce CONFIMPRESEITALIA, su iniziativa di IMPRENDITALIA, un pool d’imprese e di professionisti che ne costituiscono il nucleo originario. L’eterogeneità degli associati, infatti, venne letta come una chance sul piano sindacale perchè sostanzialmente ricalcante la eterogeneità delle categorie produttive italiane e quindi la eterogeneità delle esigenze rappresentate le quali, tuttavia, per non cadere in un’azione esterna corporativa avrebbero potuto essere mediate all’interno di una visione pluricategoriale, confederale. L’ulteriore chance che venne immediatamente colta fu la similitudine delle imprese associate che sebbene appartenenti a settori diversi avrebbero potuto essere lette come legate da un comune filo politico conduttore: la piccola, piccolissima impresa, l’artigiano, il commerciante, il coltivatore diretto, il professionista, l’operatore sociale del III settore hanno molto più in comune tra di loro e con i loro dipendenti che con le grandi, categoriali associazioni di rappresentanza.

Sono tre le linee guida alla base di CONFIMPRESEITALIA:

  • L’opera di tutela;
  • La fornitura di efficenti servizi;
  • La definizione e la proposizione di progetti di sviluppo per il territorio.

L’ambizione ultima dei promotori di CONFIMPRESEITALIA, infine, è quella di creare una Confederazione Etica che dia vita ad una VIA D’INSIEME, un modello condiviso ampio, in cui convivono e partecipano non solo imprese e professionisti ma anche il mondo No-Profit, Le ONG, le cooperative sinenco i lavoratori stipendiati, i pensionati, le casalinghe i consumatori tutti impegnati a creare un circuito virtuoso con al centro il valore dell’uomo, le sue responsabilità ed il mercato.

Gli Associati

CONFIMPRESEITALIA può contare su oltre 60.000 associati, con più di 1.000.000 di addetti. E’ già presente con 18 sedi regionali: Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Molise, Campania, Lazio, Umbria, Abruzzo, Marche, Liguria, Lombardia, Toscana, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Sardegna, 78 sedi provinciali oltre a 20 associazioni autonome affiliate.

Le principali Federazioni sono

Micro, piccole e medie imprese industriali, artigianato, commercio, professionisti, trasporti, new economy, imprenditori agricoli, no-profit, attività non regolamentare, pensionati, donne e imprese.